I percorsi

1. Le arti nel Novecento: rivoluzioni e nuovi linguaggi

Mai come nel Novecento la cultura artistica ha conosciuto una così rapida evoluzione. Nel corso di questo secolo le novità e le sperimentazioni artistiche si sono susseguite con ritmo talmente incalzante da fornire un quadro quasi disomogeneo: decine e decine di movimenti e di stili si sono succeduti, esaurendo la loro presenza, a volte, nel giro di pochi anni o al massimo di qualche decennio.

Se le avanguardie storiche d'inizio Novecento sono state tutte caratterizzate da una volontà di rottura con il passato e da una forte carica di rinnovamento, tutto il secolo, in realtà, è stato attraversato da un clima di sperimentazione continua. Stravolto da due guerre mondiali, segnato da sostanziali mutamenti del tessuto sociale e produttivo (dalla rivoluzione industriale al post-fordismo, dalla società di classi alla società dei consumi, dalla cultura elitaria alla società mediatica), il Novecento ha costituito un terreno fertilissimo per la nascita e l'affermazione di nuovi linguaggi e per il successo di nuove arti (quali ad esempio la fotografia e la cinematografia) che hanno contribuito alle attuali tendenze artistiche nell'era delle tecnologie digitali.
Dai collage cubisti al dripping dell'action painting, dalle performance e dagli happening degli Anni '60 e '70 che si basano sull'improvvisazione e sul coinvolgimento del pubblico, fino alla video art e alla net art, le forme artistiche sono sempre meno interessate a rappresentare la realtà, perché impegnate in una riflessione dell'arte su se stessa e sulla validità dell'esperienza estetica o tese a comunicare esperienze emotive, creando interrelazioni con gli altri rami della cultura: le scienze, la filosofia, la letteratura, il teatro, la musica, il cinema, l'architettura, l'informatica e le potenzialità del web.
Chiedendo al fruitore dell'opera di partecipare attivamente alla significazione del fare artistico, l'arte, più che dare delle risposte, propone delle domande, lasciando il senso di quanto proposto alla libera, e a volte diversa, interpretazione del pubblico e dei critici.

Parole chiave: avanguardie storiche, espressionismo, fauves, astrattismo, cubismo, futurismo, cubofuturismo, suprematismo, costruttivismo, metafisica, dadaismo, surrealismo, “arte degenerata”, realismo socialista, manifesti, happening, performance, informale, arte povera, polimaterismo, situazionismo, società dello spettacolo, pop art, arte minimale, arte concettuale, land art, Fluxus, body art, spazialismo, arte cinetica, op art, Transavanguardia, video arte, net art, teatro d'avanguardia, musica concreta, civiltà delle immagini, pubblicità, fotografia, cinema, fumetti, tevisione, visione 3D, museografia, restauro, catalogazione, protezione dei patrimoni artistici, promozione dell'arte contemporanea, musei, gallerie, centri espositivi, fiere e mostre internazionali, Biennale/Biennali, Documenta, Manifesta.

Riferimenti per la ricerca: M9. Il progetto culturale, Fondazione di Venezia, 2011, pp. 156 e fonti citate in queste pagine, scaricabile dal sito www.m9museum.it, alla sezione “Pubblicazioni”.

Bibliografia consigliata:
Argan G.C., Bonito Olivo A., L'arte moderna. 1770-1970. L'Arte oltre il Duemila, Firenze, Sansoni, 2002.
Benzi F., Arte in Italia tra le due guerre, Torino, Bollati Boringhieri 2013.
Calvesi M., Le due avanguardie. Dal Futurismo alla Pop Art, Bari-Roma, Laterza, 2001.
Corgnati M., Poli F., Dizionario dell’arte del Novecento. Movimenti, artisti, opere, tecniche e luoghi, Milano, Bruno Mondadori, 2001.
De Paz A., L'arte contemporanea. Tendenze, poetiche e ideologie dall'Espressionismo tedesco alla Postmodernità, Napoli, Liguori, 2007.
Danto A.C., L'abuso della bellezza. Da Kant alla Brillo Box, Milano, Postmedia Books, 2008.
Dorfles G., Ultime tendenze nell'arte d'oggi. Dall'Informale al Neo-oggettuale, Milano, Feltrinelli, 2005.
Foster H., Il ritorno del reale. L'avanguardia alla fine del Novecento, Milano, Postmedia Books, 2006.
Foster H., Krauss R., Bois Y.-A., Buchloh B.H.D., Joselit D., Arte dal 1900. Modernismo, antimodernismo, postmodernismo, Bologna, Zanichelli, 2013.
Nigro Covre J., Arte contemporanea. Le avanguardie storiche, Roma, Carocci, 2008.
Poli F. (a cura di), Arte contemporanea. Le ricerche internazionali dalla fine degli anni 50 a oggi, Milano, Electa, 2003.
Riout D., L’arte del ventesimo secolo. Protagonisti, temi, correnti, Torino, Einaudi, 2002.
Terraroli V. (a cura di), L'arte del XX secolo (1920-1945). La cultura artistica fra le due guerre, Milano, Skira, 2006.

Archivi fotografici on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Archivio Ugo Mulas http://www.ugomulas.org/
Giorgio Colmbo http://www.giorgiocolombo.com/
Paolo Mussat Sartor http://www.paolomussatsartor.com/
Claudio Abate http://www.claudioabate.com/
Archivio storico dell’Unità (archivio.unita.it) Contrasto (www.contrasto.it)

Archivi fotografici on-line di libero utilizzo:
Il Google art Project presenta numerose riproduzioni di opere dalle collezioni dei musei di arte moderna e contemporanea, fornendo informazioni visite virtuali o segnalando i musei che le conservano e che abitualmente offrono sui propri siti delle schede descrittive delle opere: come la Galleria Civica di Arte Moderna e Contemporanea Torino,  il  Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, la Tate Modern di Londra, il MoMA di New York, ecc. Qualora non vi fossero sufficienti informazioni sulle opere e gli autori nella pagina Google, in generale i musei che conservano le opere forniscono anche brevi introduzioni biografiche degli autori e schede delle opere

Il contenuto di Google art è stato progettato per fornire i materiali da utilizzare in classe,  per le scuole primarie e secondarie dove si possono trovare e scaricare anche programmi per le lezioni, presentazioni e fogli di lavoro per gli studenti. Le immagini ad alta risoluzione delle opere presenti sul sito Google art Project sono di proprietà dei rispettivi musei o collezioni e possono essere soggette a leggi sul copyright di tutto il mondo. Le immagini di Street View sono di proprietà Google. Tutte le immagini del sito possono essere utilizzate secondo quanto consentito dalle Condizioni di servizio di Google. Reperibili sul portale del progetto.

Archivi audiovisivi on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Archivio Luce (www.archivioluce.com)

Archivi audiovisivi on-line di libero utilizzo:
Teche Rai (www.youtube.com/user/rai)
British Pathé (www.youtube.com/user/britishpathe)
Video indicati con licenza Creative Commons

2. L'altra faccia del progresso: inquinamento, rifiuti e consumo dei territori.

L'ampliamento della rete stradale e l'aumento del numero di mezzi circolanti sul territorio nazionale (342.000 nel 1950, oltre 4 milioni e mezzo nel 1960, 10 milioni nel 1970 e più di 36 milioni oggi, con la più alta percentuale di vetture pro capite mondiale), unitamente alla crescita delle emissioni industriali e all'incidenza dei riscaldamenti domestici, hanno esercitato effetti drammatici sulle condizioni atmosferiche e sulla salute della popolazione, sebbene l'utilizzo del termine “smog” risalga già agli inizi del Novecento.
Parallelamente, la lunga lotta per la conquista del benessere ha determinato la crescita esponenziale della quantità di rifiuti prodotti, che in Italia supera abbondantemente la mezza tonnellata annua pro capite; una cifra inimmaginabile solo cinquant’anni fa, quando non si buttava via nulla e tutto veniva riciclato, non per ragioni etiche, ma per necessità economiche.
L'inquinamento non è solo di tipo atmosferico, ma anche idrico, del suolo, acustico e radioattivo.
Le discariche, gli inceneritori, i termovalorizzatori, le varie tecniche di smaltimento dei rifiuti, dagli urbani a quelli speciali, rappresentano infatti un tema tutt'altro che risolto, che sta impegnando a fondo le istituzioni, in cerca di soluzioni sempre più urgenti. Occorre che – accanto a una precisa e adeguata politica ecologica innestata in un generale ripensamento del progresso scientifico e tecnologico – tutti si sentano corresponsabili e partecipi nello sforzo di salvaguardare l'habitat naturale e difenderlo da ogni assalto, secondo le proprie possibilità, sfere di competenze e ambiti di attività.

Parole chiave: risorse naturali e forestali, trasformazioni paesaggistiche, territorio, manutenzione, abbandono, urbanizzazione, cementificazione, dighe, acquedotti, centrali idroelettriche, bonifiche, gestione idrica, dissesti, disastri ambientali, Seveso, Taranto, Ilva, emissioni, scarichi industriali, acidi, inquinamento, speculazione, rifiuti tossici, scarti, scorie, discariche, ecomafie, Terra dei fuochi, politiche ambientali, ecologia, energie rinnovabili, sostenibilità, coscienza, riciclaggio, ecosistemi, tutela, equilibri, legislazione, politiche ambientali, aree protette, biodiversità, estinzione.

Riferimenti per la ricerca: M9. Il progetto culturale, Fondazione di Venezia, 2011, pp.128-136 e fonti citate in queste pagine, scaricabile dal sito www.m9museum.it, alla sezione “Pubblicazioni”.

Bibliografia consigliata:
Angelini A. (a cura di), Metropoli, sostenibilità e governo dell'ambiente, Roma, Carocci, 2004.
Bettin G., Dianese M., Petrolkiller, Milano, Feltrinelli, 2002.
Calabria E., D'Ambrosio A., Ruggiero P., Biùtiful cauntri: il documentario shock sull'ecomafia (con DVD), Milano, BUR, 2008.
Casson F., La fabbrica dei veleni, Storie e segreti di Porto Marghera, Milano, Sperling & Kupfer, 2007.
Centemeri L., Ritorno a Seveso. Il danno ambientale, il suo riconoscimento, la sua riparazione, Milano, Bruno Mondadori, 2006.
Floccia M., Gisotti G., Sanna M., Dizionario dell'inquinamento: cause, effetti, rimedi, normativa, Roma, Carocci, 2003.
Giordano A., Tarro G., Campania, terra di veleni, Napoli, Denaro Libri, 2011.
Gore A., La terra in bilico, Milano, Bompiani, 2008.
Latouche S., Come si esce dalla società dei consumi. Corsi e percorsi della decrescita, Torino, Bollati Boringhieri, 2011.
Legambiente, Rapporto Ecomafie 2004, Arzano, Sistemi Editoriali, 2004.
Legambiente, Ambiente Italia 2008. Scenario 2020: le politiche energetiche dell'Italia, Milano, Edizioni Ambiente, 2008.
Massarutto A., I rifiuti, Bologna, Il mulino, 2009.
Panella G., Economia e politiche dell'ambiente, Roma, Carocci, 2002.
Pelanda D., 'A munnezza ovvero la globalizzazione dei rifiuti, Dogliani, Sensibili alle foglie, 2008.
Rizzo R., Salvare il mondo senza essere Superman: gesti di ecologia quotidiana, Torino, Einaudi, 2005.
Viale G., Azzerare i rifiuti, Torino, Bollati Boringhieri, 2008.

Archivi fotografici on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Archivio di Etnografia e Storia Sociale – Regione Lombardia (http://www.aess.regione.lombardia.it/joomla15/)
Archivio storico dell’Unità (archivio.unita.it)
Comune di Venezia - Archivio della Comunicazione (www.archiviodellacomunicazione.it)
Contrasto (www.contrasto.it)
Fast - Foto Archivio Storico Trevigiano (fast.provincia.treviso.it)
Ire - Istituzioni di Ricovero e di Educazione (www.tomasofilippi.it)
Istituto Agronomico per l'Oltremare (www.iao.florence.it)

Archivi fotografici on-line di libero utilizzo:
Le collezioni digitali di Internet Culturale (www.internetculturale.it)
Il San – Sistema Archivistico Nazionale con i percorsi tematici e i portali tematici (san.beniculturali.it)
Lombardia Beni Culturali (www.lombardiabeniculturali.it)
Teca Digitale Piemontese (www.regione.piemonte.it)
Library of Congress (www.loc.gov)
Archivio Storico de La Stampa http://www.archiviolastampa.it

Archivi audiovisivi on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Archivio Luce (www.archivioluce.com)
Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (www.aamod.it)
Archivio storico Enel (http://enelikon.enel.it/Enelikon-Internet/home.jsp)

Archivi audiovisivi on-line di libero utilizzo:
Radio Radicale (www.radioradicale.it)
Teche Rai (www.youtube.com/user/rai)
British Pathé (www.youtube.com/user/britishpathe)

3. Diritti, doveri e parità: l'evoluzione della cittadinanza

La richiesta sempre più ferma dell’allargamento del diritto di voto caratterizza l'Italia d'inizio Novecento dal punto di vista delle battaglie politiche sostenute dai partiti di massa. Le tappe che porteranno al suffragio universale sono tre: 1912, 1919 e poi 1946. Durante questi tre passaggi, i limiti per accedere al diritto di voto si sono assottigliati (salvo quello dell’età anagrafica) fino a scomparire.
I contrari a concedere il diritto di voto alle donne ritenevano che, abituate a vivere in famiglia e quindi più conservatrici, sarebbero state un freno al progresso della società e che alle elezioni del 1948 avrebbero votato per la monarchia e per i partiti reazionari. “Ma, anche con i loro suffragi, vinse la Repubblica e le varie signore e signorine Rossi d'Italia cessarono di essere considerate cittadini di serie B. Con le votazioni per la Costituente, che gettano le basi della nuova vita politica, incomincia per gli Italiani, maschi e femmine, la lunga marcia per la conquista dei diritti civili.” (Enzo Biagi, Storia d'Italia a fumetti, vol. 15, p.47)
Le foto, le radiocronache e le riprese video degli anni successivi ci hanno consegnato immagini memorabili: lunghissime file ai seggi di votanti pazienti e felici, comizi affollati, assemblee concitate, rivalità infuocate, cortei infiniti, piazze stracolme.
Oggi la coda di votanti alle urne è un’immagine che giunge assai di rado, quando votano per la prima volta popolazioni che hanno finalmente ottenuto libere elezioni dopo periodi di dittatura o prolungati stati di belligeranza.
Ripercorrendo le tappe novecentesche in tema di evoluzione dei diritti di cittadinanza, in Italia si evidenziano fenomeni contraddittori: nel 1948, alle elezioni politiche per la Prima legislatura della Repubblica, si registrò un’affluenza alle urne del 92%, nella tornata elettorale del maggio 2010 si è scesi al 58,77%, con una crescita costante dell’astensionismo, nonostante nel 2013, alle elezioni politiche, si siano recati alle urne il 75,19% degli aventi diritto per la Camera e il 75,11% degli aventi diritto per il Senato. Un calo comunque consistente, che si spiega con disaffezione e sfiducia dilaganti verso la classe politica, ma anche con una certa dose di egoismo e indifferenza: la politica ci riguarda sempre meno, il voto non è più un diritto conquistato con il sangue ma un fastidio di cui si può fare a meno, dimentichi dei sacrifici di quanti si sono battuti per farcelo avere.

Parole chiave: lotte per l’emancipazione, evoluzioni legislative, elettorato attivo e passivo, diritti di cittadinanza, pari opportunità, tutela, diritti politici, suffragio maschile, suffragio femminile, discriminazione, eguaglianza giuridica, referendum, Monarchia, Repubblica, Costituente, voto, votazioni, campagne elettorali, clientele, interessi personali, Casta, sistemi elettorali, riforma del sistema elettorale, partiti, tesseramento, sezioni, circoli, sindacati, comizi, cortei, folle, manifestazioni, senso civico, engagement, astensionismo, assenteismo.

Riferimenti per la ricerca: M9. Il progetto culturale, Fondazione di Venezia, 2011, p.84, pp. 90-93 e fonti citate in queste pagine, scaricabile dal sito www.m9museum.it, alla sezione “Pubblicazioni”.

Bibliografia consigliata:
Agostini F., La Regione del Veneto a quarant'anni dalla sua istituzione. Storia, politica, diritto, Milano, Franco Angeli, 2013.
Bellucci P., Segatti P., Votare in Italia 1968-2008: dall'appartenenza alla scelta, Bologna, Il Mulino, 2010.
Brunelli G., Donne e politica, Bologna, Il Mulino, 2006.
D’Amico M., Concaro A., Donne e istituzioni politiche. Analisi critica e materiali di approfondimento, Torino, Giappichelli, 2006.
Derossi L. (a cura di), 1945. Il voto alle donne, Milano, Franco Angeli, 1998..
Ferrarotti F. (a cura di), La protesta silenziosa, Roma, Siares, 1989.
Fisichella D., La rappresentanza politica, Bari, Laterza, 1996.
Fruncillo D., Urna del silenzio: l’astensionismo elettorale in Italia, Roma, Ediesse, 2004.
Galoppini A.M., Il lungo viaggio verso la parità. I diritti civili e politici delle donne dall’Unità ad oggi, Bologna, Zanichelli, 1980.
Izzi Di Paolo P., Donne e istituzioni. Cinquant’anni d’impegno politico e civile, Milano, Franco Angeli, 1999.
Mannheimer R., Sani G., La conquista degli astenuti, Bologna, Il Mulino, 2001.
Raniolo F. (a cura di), Le trasformazioni dei partiti politici, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2004.
Rossi-Doria A., Diventare cittadine. Il voto alle donne in Italia, Firenze, Giunti, 1996.
Sabbadini L.L., Partecipazione politica e astensionismo secondo un approccio di genere, Roma, Ministero per le Pari Opportunità, 2006 (www.istat.it).
Tuorto D., Apatia o protesta? L’astensionismo elettorale in Italia, Bologna, Il Mulino, 2006.

Archivi fotografici on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Archivio storico Olivetti (www.storiaolivetti.it)
Archivio storico dell’Unità (archivio.unita.it)
Istituto Luigi Sturzo ( www.sturzo.it)
Contrasto (www.contrasto.it)
Archivio storico CISL (htm.cisl.it/Archiviostorico/)
Senato della Repubblica – Archivi on line (http://www.archivionline.senato.it/)
Archivi della DC (www.archividc.it)
Comune di Venezia - Archivio della Comunicazione (www.archiviodellacomunicazione.it)
Fast - Foto Archivio Storico Trevigiano (fast.provincia.treviso.it)

Archivi fotografici on-line di libero utilizzo:
Le collezioni digitali di Internet Culturale (www.internetculturale.it)
Il SAN – Sistema Archivistico Nazionale con i percorsi tematici e i portali tematici (san.beniculturali.it)
Lombardia Beni Culturali (www.lombardiabeniculturali.it)
Library of Congress (www.loc.gov)
Teca Digitale Piemontese (www.regione.piemonte.it)
Archivio Storico de La Stampa http://www.archiviolastampa.it

Archivi audiovisivi on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Archivio Luce (www.archivioluce.com)
Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico www.aamod.it

Archivi audiovisivi on-line di libero utilizzo:
Fare gli italiani (www.faregliitaliani.it/FareItaliani/temi/i-mezzi-comunicazione-massa.html)
Radiomillevoci (www.radiomillevoci.it)
Radio Radicale (www.radioradicale.it)
Teche Rai (www.youtube.com/user/rai)
British Pathé (www.youtube.com/user/britishpathe)

4. Emigrazioni ed immigrazioni: gli italiani da migranti ad ospiti

Per gran parte del Novecento dall’Italia si è partiti in cerca di fortuna o, più semplicemente, di un pezzo di pane da mettere sotto i denti. Solo dal 1973 il saldo migratorio è divenuto positivo, ma le migrazioni interne non sono mai cessate. Oltre ai 29 milioni di Italiani che tra il 1861 e il 1985 sono emigrati all’estero, milioni sono gli abitanti che hanno abbandonato i luoghi d’origine per trovare migliori condizioni di vita in altre zone del Paese. In neanche cinquant’anni le parti si sono invertite: oggi vivono in Italia più di 4,4 milioni di immigrati stranieri che condividono le stesse speranze, le stesse ambizioni, le stesse difficoltà degli Italiani partiti nel secolo scorso.
Nella storia unitaria, il Veneto svetta per un triste primato: è stata la regione con il più elevato flusso migratorio all’estero e ancora negli anni Cinquanta aveva la più alta percentuale di migrazione interna (il 33-35% degli immigrati in Piemonte e Lombardia). A distanza di qualche decennio, al primo gennaio 2014, i cittadini non comunitari regolarmente presenti in Veneto erano oltre 446.600, pari all’11,5% di tutti gli stranieri residenti in Italia: in termini assoluti si tratta della terza posizione a livello nazionale, dietro la Lombardia e l’Emilia-Romagna. Questo dato serve per riflettere sull’evoluzione e le inversioni dei flussi migratori novecenteschi: dal Veneto sono emigrati milioni di persone, disposte a fare i lavori più umili e rischiosi (mondine, donne di servizio, minatori, manovali e operai), in qualsiasi angolo del globo.
Oggi i loro eredi si guardano allo specchio, di fronte alle migliaia di immigrati arrivati “nel ricco Nord-Est” in cerca di lavoro, dignità e un avvenire migliore per i loro figli; un valido motivo per domandarsi quali siano i rapporti, le differenze o le analogie tra gli emigranti di allora e gli immigrati di oggi. 

Parole chiave: sradicamento, fortuna, speranze, avvenire migliore, lavoro, sacrifici, migrazioni interne, Nord e Sud, questione meridionale, povertà, fame, valigie di cartone, terza classe, emarginazione, discriminazione, clandestinità, sofferenze, permessi, nostalgia, integrazione, multiculturalità, accoglienza, ospitalità, mare, barconi, naufragi, naufraghi, memoria, inversione dei flussi migratori, rientri.

Riferimenti per la ricerca: M9. Il progetto culturale, Fondazione di Venezia, 2011, pp. 71-72 e fonti citate in queste pagine, scaricabile dal sito www.m9museum.it, alla sezione “Pubblicazioni”.

Bibliografia consigliata:
Ambrosini M., Un'altra globalizzazione. La sfida delle migrazioni transnazionali, Bologna, Il Mulino, 2008.
Barbagli M., Schmoll C. (a cura di), Stranieri in Italia. La generazione dopo, Bologna, Il Mulino, 2011.
Bevilacqua P., De Clementi A., Franzina E. (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana. Vol. 1, Partenze, Roma, Donzelli, 2001.
Bevilacqua P., De Clementi A., Franzina E. (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana. Vol. 2, Arrivi, Roma, Donzelli, 2002.
Boldrini L., Tutti indietro, Milano, Rizzoli, 2010.
Corti P., Sanfilippo M. (a cura di), Storia d'Italia. Annali 24. Migrazioni, Torino, Einaudi, 2009.
Decimo F., Quando emigrano le donne. Percorsi e reti femminili della mobilità transnazionale, Bologna, Il Mulino, 2006.
De Rosa O., Verrastro D. (a cura di ), Appunti di viaggio. L’emigrazione italiana tra attualità e memoria, Bologna, Il Mulino, 2007.
Nicosia A., Prencipe L. (a cura di), Museo Nazionale Emigrazione Italiana, Roma, Gangemi, 2009.
Ostuni M.R., Stella G.A., Sogni e fagotti. Immagini, parole e canti degli emigranti italiani (con CD audio), Milano, Rizzoli, 2005.
Sacchetto D., Il nordest e il suo Oriente: migranti, capitali e azioni umanitarie, Ombre corte, Verona, 2004.
Stella G.A., L'orda (quando gli albanesi eravamo noi), Milano, Rizzoli, 2002.
Stella G.A., Odissee. Italiani sulle rotte del sogno e del dolore, Milano, Rizzoli, 2004.

Archivi fotografici on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Istituto Superiore Etnografico della Sardegna (www.isresardegna.it/)
Archivio di Etnografia e Storia Sociale – Regione Lombardia (www.aess.regione.lombardia.it/joomla15/)
Archivio storico dell’Unità (archivio.unita.it)
Comune di Venezia - Archivio della Comunicazione (www.archiviodellacomunicazione.it)
Contrasto (www.contrasto.it)
Fast - Foto Archivio Storico Trevigiano (fast.provincia.treviso.it)
Ire - Istituzioni di Ricovero e di Educazione (www.tomasofilippi.it)
Istituto Agronomico per l'Oltremare (www.iao.florence.it)

Archivi fotografici on-line di libero utilizzo:
Le collezioni digitali di Internet Culturale (www.internetculturale.it)
Il San – Sistema Archivistico Nazionale con i percorsi tematici e i portali tematici (san.beniculturali.it)
Lombardia Beni Culturali (www.lombardiabeniculturali.it)
Teca Digitale Piemontese (www.regione.piemonte.it)
Library of Congress (www.loc.gov)
Archivio Storico de La Stampa http://www.archiviolastampa.it

Archivi audiovisivi on-line per i quali è necessario richiedere il libero uso delle immagini:
Archivio Luce (www.archivioluce.com/archivio)
Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico www.aamod.it

Archivi audiovisivi on-line di libero utilizzo:
Fare gli italiani (www.faregliitaliani.it)
Radiomillevoci (www.radiomillevoci.it)
Radio Radicale (www.radioradicale.it)
Teche Rai (www.youtube.com/user/rai)
British Pathé (www.youtube.com/user/britishpathe)